Metodo VIRA

Valutazione completa dei rischi per chi opera a videoterminali

VIRA: VDT Integrated Risk Assessment

Un nuovo metodo per la valutazione dei rischi derivanti dall’uso di videoterminali

L’introduzione sempre più marcata della tecnologia in ambito lavorativo, ha portato un numero sempre maggiore di lavoratori a trascorrere molto tempo davanti allo schermo di un computer. Inoltre, l’uso di videoterminali ha portato allo sviluppo di diversi tipi di organizzazione del lavoro, che può essere svolto anche da casa o da remoto, come lo smart working (lavoro da remoto) e il telelavoro.
Il lavoro al computer ha molti vantaggi ma può determinare anche diversi rischi per la salute dei lavoratori (affaticamento della vista, disturbi muscolo-scheletrici, ecc.). Cosa cambia quindi nella valutazione di questi rischi?

Le prassi correnti riguardanti i rischi derivanti dall’uso di videoterminali spesso si limitano al controllo dei fattori di rischio, tramite la corrispondenza ad alcune specifiche di base.

Non avviene quindi una vera e propria valutazione dei rischi, che invece dovrebbe tener conto di svariati aspetti come quelli riguardanti la persona (problemi muscoloscheletrici, aspetti oculovisivi), l’organizzazione del lavoro (lavoro da remoto, ecc.), le evoluzioni tecnologiche (tipologie di schermo e puntatore) e molto altro.

smart working ergonomia

Metodo VIRA e Valutazione dei rischi

La valutazione dei rischi derivanti dall’uso di videoterminali dovrebbe:

Tener conto

  • Delle problematiche muscoloscheletriche (posture statiche, movimenti ripetuti, ecc.)
  • Degli aspetti oculovisivi (illuminazione, compito visivo, ecc.)
  • Degli aspetti psicosociali (derivanti dall’organizzazione del lavoro, dalle relazioni, tecnostress, ecc.)

Considerare anche

  • Le nuove organizzazioni del lavoro, fra cui il ricorso al lavoro in remoto (smart working)
  • Le attività residue che la persona svolge quando non è al videoterminale
  • La suscettibilità della persona
  • Le evoluzioni tecnologiche, e l’introduzione di tecnologie informatiche dotate di svariati tipi di schermo e puntatore

Il Metodo VIRA (VDT Integrated Risk Assessment) tiene conto di tutti questi aspetti e permette di valutare in modo completo i rischi legati all’uso di videoterminali.

Raccolta dei dati:

La valutazione completa dei rischi per chi opera a videoterminali con il metodo VIRA, comprende gli elementi riprodotti nell’immagine mutuata dalla letteratura ergonomica e dalla ISO 26800:

  • Dati sulla persona
  • Compito che viene svolto
  • Ambienti in cui si svolge il lavoro
  • Attività reale svolta dalla persona
  • Effetti dell’attività sulla persona
  • Effetti dell’attività sui risultati

La raccolta dati si avvale di una doppia fonte:

  • Un questionario rivolto al/la dipendente durante un laboratorio (cioè in modo guidato)
  • Una lista di controllo a uso dell’azienda (in genere utilizzata dal RSPP), per la parte di Ambiente in ufficio (se necessario la parte ambientale in remoto è compilata dal lavoratore/trice coinvolto/a)

Processo di valutazione del rischio

Si suggerisce di utilizzare lo strumento VIRA all’interno di un processo di valutazione del rischio corrispondente ai migliori standard (ad es. lo standard UNI CEI EN IEC 31010 “Gestione del rischio – Tecniche di valutazione del rischio”)

Il processo di valutazione richiede di:

1. Procedere secondo le indicazioni del quadro normativo di riferimento

2. Ottenere una partecipazione dei lavoratori e dei loro rappresentanti

3. Basarsi su adeguate competenze per tale valutazione

Matrice di rischio del Metodo VIRA

Il metodo VIRA si avvale di una matrice di rischio tridimensionale, che tiene conto degli effetti sulla persona, dei problemi presenti e della suscettibilità individuale.

Matrice metodo VIRA

La valutazione del rischio da videoterminale nel lavoro da remoto (smart working)

Il metodo VIRA integra la scala ERW (Ergonomic Remote Working Questionnaire, composta da 18 item, validata su un campione di 218 persone, pubblicata su Rivista Italiana di Ergonomia n. 22/2021), con l’obiettivo di contribuire alla valutazione dei rischi ergonomici per esposizione al lavoro a videoterminale.

Esiti a livello individuale

La valutazione del rischio fornisce un output a livello individuale con:

  • Una matrice complessiva R = P x E x S (i valori delle 4 variabili per il soggetto)
  • I valori valutati separatamente per gli aspetti muscoloscheletrici, oculovisivi e psicosociali
  • L’indicazione se la valutazione sia soltanto indicativa e richieda approfondimenti da parte del Medico competente e del RSPP
  • Il valore della scala ERW
  • La possibilità di individuare al bisogno singoli item negativi, ai fini di un piano d’azione
  • Indicazioni qualitative (compiti, posture, prestazioni)

Esiti a livello di gruppo omogeneo

Il metodo VIRA può indicare anche il livello di rischio a livello di gruppo secondo il seguente criterio:

VIRA livello rischio gruppo

Azioni di mitigazione del rischio

Al termine della valutazione possono essere pianificate azioni per mitigare i rischi, quali:

Prevenzione Primaria

Riduzione dell’esposizione attraverso il miglioramento delle condizioni di lavoro e organizzative
Es.: Interventi di ergonomia fisica, riorganizzazione del compito, modifica dell’attività

Prevenzione Secondaria

Riduzione degli effetti attraverso il miglioramento delle strategie di fronteggiamento dei pericoli
Es.: Formazione, raccomandazione di attività fisica o riabilitativa, tecniche di stress management

Prevenzione Terziaria

Riduzione degli effetti
ES.: Azioni per diminuire i disturbi o disagi

Chiedi informazioni

Vuoi altre informazioni, un parere, un preventivo? Utilizza questo modulo, saremo presto in contatto con te

ergonomia computer

Ergonomia posturale

Un caso di successo di un’analisi ergonomica presso una società con più di 1000 impiegati

Ergonomia nell'analisi del rischio stress

Un caso di successo di valutazione e gestione del rischio stress secondo un approccio ergonomico

Potresti essere interessato a...

Visita queste altre pagine
Valutazione rischi ergonomici smart workingCarico biomeccanico